Autore: Stelio Fergola

Stelio Fergola è nato a Napoli. Giornalista dal 2003, inizia come cronista sportivo sulle colonne del quotidiano partenopeo “il Roma”. Da anni si occupa anche di saggistica politica, storia e sociologia.

Nicolò Fagioli indagato per le scommesse illegali (fermo restando che da calciatore non potrebbe fare neanche quelle legali) fa un male cane. Ovviamente, non pronunciandosi sulla colpevolezza del ragazzo, al momento soltanto indagato. Ma la questione apre comunque a un pensiero rivolto all’ipotesi peggiore. Un pensiero che non può che riassumersi in una sola considerazione: sarebbe veramente da idioti, oltre che da sprovveduti. Soprattutto guardando a un ragazzo che sul campo si è sempre distinto, oltre che per qualità, per correttezza e perfino attaccamento alla maglia. Chi non ricorda con commozione le lacrime di Nicolò dopo l’errore durante Sassuolo-Juventus dello…

Continua a leggere

Lo Juventus Museum è realtà ormai più che decennale. Ed è una stupenda realtà. Il video inquadrante la sala trofei è uno spettacolo mai visto che siamo lieti di pubblicare. La sala trofei del prestigioso museo bianconero è stata ampliata proprio nei giorni scorsi, mostrando in queste immagini tutta la sua meravigliosa lucentezza. Un gesto che è stato interpretato anche come una sorta di “messaggio” a Massimiliano Allegri per la stagione in corso. Quasi a comunicare la necessità di portare a casa un trofeo importante già nella stagione in corso. Lo Juventus Museum esiste dal 2012, ovvero dai tempi del…

Continua a leggere

Se Giancarlo Antognoni aveva inserito la Juventus nella rosa delle papabili per vincere il campionato, altri pareri vanno in direzione opposta. È il caso di Eraldo Pecci, ex Fiorentina ed ex Napoli, che sui bianconeri commenta così nel corso di una puntata de La Domenica Sportiva: “Allegri sta utilizzando tanti giovani da due anni e stanno facendo tanta esperienza. Io ho visto la partita contro il Torino però e nel primo tempo una partita così brutta non me la ricordavo, era l’occasione per il Torino di vincere un derby ma sono tre partite che non tira in porta. La Juventus…

Continua a leggere

Mark Iuliano, storico difensore della Juventus di fine anni Novanta e primi Duemila, ha espresso dichiarazioni molto dolci nei confronti della sua ex-società: “E’ un onore esser rimasto nel cuore dei tifosi della Juve. Sono sempre stato un tifoso malato, ho vissuto tutte le epoche di questa squadra e ho alternato i miei stati d’animo: dalla gioia per i successi, alle lacrime per le sconfitte. La mia speranza è che si ritorni, al più presto, sul tetto del mondo”. Per quanto riguarda la vittoria nel derby, Iuliano ha così commentato: “Ci voleva, era una partita molto importante da vincere. La…

Continua a leggere

Juan Foyth, difensore centrale argentino classe 1998 del Villarreal, è negli interessi della Juventus da tempo, allo scopo di rinforzare il reparto arretrato. L’operazione però non si rivela semplice e attualmente non si sa bene che destino potrò avere. Dalla Spagna, infatti, giungono notizie abbastanza clamorose sulla clausola rescissoria che pretenderebbe il Villareal. Soprattutto, sull’entità della stessa, visto che si parla addirittura di più di 50 milioni di euro. Tanto sarebbe quanto mirerebbe ad incassare il club spagnolo, con tutto ciò che ne consegue in termini di fattibilità dell’affare. Foyth è un giocatore di 25 anni, la cui carriera ha…

Continua a leggere

Il mercato di gennaio fa già parlare di sé con tre mesi di anticipo. L’ultima indiscrezione riguarda Jadon Sancho, calciatore di 23 anni del Manchester United, che sarebbe in rottura con il suo club e possibilmente avviato in direzione Torino. Come riporta Tuttomercatoweb, lo scontro sarebbe con il suo allenatore Erik Ten Hag, con il quale sarebbero sorti dei dissidi comprendenti anche una richiestadi scuse che l’ex Borussia Dortmund si è rifiutato più volte di presentare. Dato il clima incandescente, è ritenuto plausibile che Sancho possa lasciare i Red Devils già a gennaio, considerata anche la sua estromissione dalla rosa…

Continua a leggere

Diciamola tutta: basta con la Juventus e Berardi. Non ne possiamo letteralmente più dell’accostamento ormai tradizionale tra l’attaccante del Sassuolo e la società bianconera. Un fenomeno che è diventata una farsa, che dura da anni, con ogni estate o sessione di mercato di riparazione scandita dalla certezza ormai ineludibile dell’arrivo di San Domenico a Torino. “Questa volta è fatta”, si ripete continuamente, ma ormai non ci crede più nessuno. Intendiamoci, è una riflessione che spera di fungere da “amuleto contrario” e di venire sorpresa. Ma francamente di tutti questi caroselli siamo anche abbastanza stanchi: se Berardi verrà mai alla Juventus,…

Continua a leggere

Stessa famiglia, in teoria. Nella pratica, due universi completamente diversi. Gli Elkann non c’entrano niente con gli Agnelli, nonostante l’unione dei nuclei. John non c’entra niente con Giovanni, nonostante la traduzione letterale sia la stessa. È una storia che fa da capolino anche alle evoluzioni della stessa Fiat, in una serie di vicissitudini che hanno “trasformato” gli Agnelli negli Elkann, dopo il matrimonio tra Margherita Agnelli e Alain Elkann, il secondo celebre giornalista di famiglie rinomate nato a New York esattamente come il figlio. Erano gli anni Settanta, ma il seme dell’estinzione effettiva della famiglia storica guida della Juventus era…

Continua a leggere

L’ex-attaccante bianconero Fabrizio Ravanelli ha ricordato i suoi anni con la maglia della Juventus. Un quadriennio, come sottolinea egli stesso, “fantastico”. Nel corso dell’intervista alla Stampa, “penna bianca”, come veniva soprannominato, enfatizza i momenti di gloria, oltre il fatto di essere approdato, all’epoca, in quella che era la squadra che aveva sempre tifato: “Sono arrivato giovane: per me era il sogno nel cassetto, giocare nella mia squadra del cuore. In quegli anni abbiamo vinto tutto: scudetto, Coppa Italia, Supercoppa, Uefa e poi la ciliegina della Champions che fu di tutti, non solo mia anche se con 5 gol fui capocannoniere…

Continua a leggere

Giovanni Cobolli-Gigli all’attacco. Inevitabile, dopo le vicissitudini societarie bianconere. Soprattutto era plausibile da un personaggio come l’ex-presidente della Juventus, ricordato per una gestione considerata fallimentare, quella del “post-calciopoli”. Fa abbastanza impressione leggere Cobolli-Gigli che critica Andrea Agnelli più che altro per il fatto che il secondo, al netto del disastro causato negli ultimi anni, aveva riportato la squadra ai successi continuativi, differentemente dalla Juve guidata da “Coboldo”. In ogni caso, le dichiarazioni dell’ex numero uno bianconero sono decisamente dure: “Non avrei mai portato Ronaldo alla Juventus, sono stato uno dei pochi che riteneva che il suo arrivo fosse sbagliato, perché…

Continua a leggere